Skip to content

Gocce dal Cielo

Tutti i giorni un Messaggio di Speranza

Non c’è Domenica senza Venerdì

“Al Padre piacque… riconciliare con sé tutte le cose per mezzo di [Gesù]… mediante il sangue della sua croce” Colossesi 1:20

Scrive Carolyn Arends (musicista e autrice Cristiana): “La domenica di Pasqua è per la fede cristiana il giro della vittoria, con la medaglia d’oro al collo… è il nostro “e vissero per sempre felici e contenti”, ma c’è l’ostacolo, un problema: sono terrorizzata dal venerdì precedente… immagini di torture e sofferenza… quel grido terribile, “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?” Se potessi scegliere, probabilmente lo salterei, ma se lo facessi, la mattina di Pasqua diverrebbe insignificante. Dimenticherei l’alto prezzo della mia salvezza… Inizierei a pensare di poter vincere senza alcun sacrificio, che non serva morire a se stessi per vivere la risurrezione. Crederei alla menzogna che la vittoria di Cristo sulla morte e la mia decisione di seguirlo garantiranno una vita senza preoccupazioni e problemi. Gli scrittori Biblici ci incoraggiano a considerare la sofferenza… un’occasione per identificarci con Cristo e prendere la Sua croce.

Eppure, quando il lavoro è perso, il tumore è maligno, l’amicizia tradita, piangiamo non solo la ferita in sé, ma anche il fatto di poter essere feriti. Gesù ci ha delusi… ecco come ci sentiamo. Non consideriamo quella ferita una “gioia inestimabile”, la consideriamo un fallimento. Dunque, come diventare dei Cristiani della Domenica di Pasqua? Ogni volta che mi aspetto una Domenica di Pasqua e invece arriva un Venerdì, cerco di ricordare che la definizione di Dio di “santo” e di “bene” va ben oltre la mia definizione, che quasi tutti i nuovi inizi procedono da ciò che avevo vissuto come terribili perdite… che ciò che appare come una piccola (ma devastante) morte, è in realtà l’occasione di una nuova vita… Dobbiamo essere rotti per poter crescere verso ciò per cui siamo stati creati”. Se non riesci a scorgere ciò che è “Santo e Buono” nella tua situazione, ascolta queste parole: “…al Padre piacque di far abitare in Lui tutta la pienezza e di riconciliare con sé tutte le cose per mezzo di lui, avendo fatto la pace mediante il sangue della sua croce; per mezzo di lui, dico, tanto le cose che sono sulla terra, quanto quelle che sono nei cieli” (Col. 1:20).

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

Leggi anche…

Reagisci con grazia

“Crescete nella grazia” 2 Pietro 3:18 Nelle relazioni, come superiamo le vecchie ferite? Come possono due persone conciliare prospettive distinte

Benedizioni generazionali

“Per voi è la promessa, per i vostri figli” Atti 2:39 Ogni famiglia ha punti di forza unici e differenti.
Gocce dal Cielo di maggio, giugno e luglio 2021

Ordina la tua copia gratuita di Gocce dal Cielo!

Sai che puoi ricevere gratuitamente la tua copia cartacea di “Gocce dal Cielo”. Ordinala per te, per la tua famiglia, per i tuoi amici

× Come possiamo aiutarti?